Si riparte con l’Oratorio: sarà una “SUMMER LIFE”

Di nuovo oratorio estivo “Don Bosco”! Un’ estate in cui ripensare alla vita con occhi nuovi, con gioia ed entusiasmo, nel desiderio di “fare nuove tutte le cose”.

L’idea di fondo che attraversa il tema dell’Oratorio estivo 2020, “Summerlife”, non è di “appesantire” la realtà, ma di offrire strumenti per riappropriarsene. Quelli appena passati, sono stati mesi di grande isolamento nelle case: per l’esperienza dei più piccoli non è stato necessariamente un tempo brutto o negativo, ma sicuramente non è stato un tempo “pieno” perché sempre privato di qualcosa. Risuona allora da più parti il desiderio e la necessità di ripartire, sicuramente economicamente, ma anche socialmente, facendo tesoro degli apprendimenti, spesso inconsapevoli ed obbligati, provocati appunto dal virus. Un virus che non ha colpito solo i corpi, ma anche i sentimenti, le relazioni, le comunità, le visioni e le storie. E dunque, che cosa significa ripartire con i più piccoli? Quale intenzionalità educativa agiremo in questa estate, ormai in corso. Il progetto educativo “Summerlife – Per fare nuove tutte le cose”, costruito e promosso da Oratori Diocesi Lombarde, tenendo conto dell’iniziativa “Aperto per ferie” a cura del Servizio Nazionale di Pastorale Giovanile, desidera accompagnare l’estate di ogni oratorio, a servizio e in alleanza con il territorio, anche nelle situazioni più complesse e inimmaginabili, mettendo al centro i più piccoli.

Così tutta la comunità educante, fatta di famiglie e di parrocchia, ora riparte per attraversare la storia delle nuove generazioni e restituire loro fiducia e speranza. L’oratorio estivo 2020 è pensato infatti come una continuazione estiva della formazione e della vita parrocchiale bruscamente interrotte, che seppure abbiano trovato delle compensazioni telematiche, hanno chiaramente subito una alterazione del processo naturale di crescita umana e spirituale. Il programma delle attività di oratorio, che in forma primaria utilizza il gioco come metodo educativo, quest’anno sarà attento a utilizzare la professionalità di personale specializzato per approfondire e un po’ recuperare, oltre che una formazione spirituale, anche quella intellettuale, artistica e sportiva. Desideriamo quindi insieme, tra famiglie, parroco, animatori, catechisti e volontari, dare ai nostri bambini qualcosa in più nella vita presente. Bambini, preadolescenti e adolescenti saranno chiamati a riappropriarsi dei luoghi, dei colori, dei valori, delle relazioni, della vita della propria città, del proprio paese.

Non è stato semplice capire come poter partire con l’Oratorio estivo, da un lato c’è ancora il timore, ma dall’altro la voglia di farcela, e la voce di quei bambini incontrati per strada che ci chiedevano “don facciamo l’oratorio?”. Parte quindi il nostro progetto estivo, che avrà l’attenzione massima su tutte le disposizioni anti-covid che la Regione Campania ha emanato nell’ordinanza n° 55/C.

È stato grazie però alla disponibilità straordinaria del Comune di Ariano nella persona del Commissario prefettizio, con tutti gli uffici preposti e della Società gestore USD Vis Ariano Accadia, che si è giunti ad una soluzione nuova e sicura, tale da consentirci di svolgere il nostro oratorio nel Campo Sportivo “Silvio Renzulli”. Mi sento davvero di ringraziare tutti questi attori che si sono subito resi protagonisti e davvero interessati al bene e al presente dei nostri giovani.

Tutto è possibile però anche grazie ad una bellissima e forte partecipazione della nostra Comunità Parrocchiale, che si tira ancora su le maniche per ripartire: animatori, catechisti, volontari per il servizio d’ordine e per l’igienizzazione degli ambienti, i tecnici di supporto logistico e legale, insomma una grande macchina a cui va il nostro grazie.

Ecco nel dettaglio alcune informazioni utili.

 

QUANDO E DOVE

 

L’oratorio si svolgerà presso lo Stadio “Renzulli” e a motivo del sole mattutino si svolgerà di pomeriggio si dalle 17.00 alle 20.00.

A breve vi informeremo del giorno di inizio delle attività che sarà preceduto da una giornata “Open Day” per consentire le sole operazioni di iscrizione, consegna della maglietta e poter prendere conoscenza delle misure in atto anticovid; per il momento ci stiamo preparando con i nostri animatori.

Quando inizieranno le attività rivolte ai bambini ci ritroveremo ogni giorno dalle 16.30 circa presso l’ingresso dello stadio per il triage di accoglienza a personale, accompagnatori e bambini e per l’inizio delle attività.

Sarà preferibile seguire questi orari di arrivo progressivo: ore 16.30 ragazzi di scuola media e ore 16.50 bambini di scuola elementare, così da consentire agevolmente e senza assembramenti le operazioni di triage.

Non è consentito ai genitori e accompagnatori di accedere all’interno dell’area gioco ma solo all’ingresso. L’uscita è prevista alle ore 20.00. Sarà presente personale volontario di Protezione Civile comunale per disciplinare il traffico agli ingressi e all’uscita dal campo e per evitare assembramenti.

PRINCIPALI MISURE ANTICOVID

 

  1. Il numero dei partecipanti è limitato a 90 tra bambini e ragazzi. È calcolato sia in base all’ampiezza degli spazi, che anche al numero proporzionale di personale presente e ai partecipanti alla catechesi ordinaria della vita parrocchiale.
  1. Lo stadio ci consente chiaramente di avere degli spazi totalmente all’aperto, sicuri e ampi, che saranno opportunamente delimitati per dividere i bambini e i ragazzi in vari gruppi evitando che gli stessi si interfaccino tra loro e igienizzati quotidianamente.
  1. Restano ovviamente in vigore le disposizioni anti-covid che prevedono il distanziamento, l’uso della mascherina, l’utilizzo di igienizzanti e altre indicazioni che verranno spiegate dal vivo.
  1. È richiesta la rilevazione quotidiana della temperatura corporea per tutti gli operatori, bambini, genitori/accompagnatori. In caso di T>37.5 °C il soggetto dovrà essere allontanato. In caso di febbre del genitore/accompagnatore il minore non potrà accedere al servizio.
  1. È preferibile che i bambini e i ragazzi vengano accompagnati sempre da un adulto, preferibilmente di età inferiore ai 60 anni (come suggerisce ordinanza regionale).

CHI PUO’ PARTECIPARE

Come sempre daremo la possibilità di partecipare ai bambini che abbiano compiuto 6 anni di età e già frequentato la classi di 1° Elementare fino ai ragazzi di 14 anni che abbiano concluso la 3° Media.

Non sarà possibile accogliere bambini di età inferiore ai 6 anni, per i quali è previsto un diverso protocollo regionale anti-covid che non potremmo mettere in atto in questo contesto estivo.

Per i bambini con disabilità sarà previsto un rapporto con gli educatori 1 ad 1 e ovviamente con una cura e delicatezza perché il bambino e bambina disabile venga accolto/a nella massima sicurezza e tutela. Sarà inoltre affiancato da personale volontario qualificato dell’oratorio e\o affiancamento di personale sanitario specificato dalla famiglia del bambino.

È importante sottolineare che l’Oratorio estivo “don Bosco” è pensato per la comunità parrocchiale di San Pietro, come progetto pastorale interno. È quindi fortemente sconsigliato prenderne parte se non si è residenti sul territorio parrocchiale; questo sia per poter limitare un possibile contagio sia per fattori di sicurezza in genere, finanche per il rapporto umano e spirituale che l’oratorio prevede di instaurare e mantenere nel tempo.

COME ISCRIVERSI

Per partecipare all’Oratorio estivo è necessario iscriversi almeno 1 giorno prima dell’ingresso del bambino\ragazzo all’oratorio per evitare assembramenti e consentire la registrazione delle iscrizione.

Sarà disponibile a giorni sul nostro sito www.parrocchiasanpietroapostolo.it il modulo per le iscrizioni, che andrà compilato in ogni sua parte e inviato via mail a segreteria@parrocchiasanpietro.it. In risposta alla mail verranno date indicazioni importanti da seguire. Solo se necessario, sarà possibile consegnare il tutto all’ingresso dello stadio nell’apposita location della segreteria iscrizioni dell’oratorio.

Ai bambini saranno consegnate all’arrivo delle magliette in busta chiusa; è possibile che i bambini portino qualche snack preconfezionato e una bottiglietta d’acqua o altro. L’oratorio assicura l’acqua gratuita per tutti.

L’auspicio è che sia un’estate per guardare con occhi nuovi le cose di sempre, rintracciando in esse i segni di quanto accaduto. Non per nasconderli, ma per custodirli. Ci trasformeremo in esploratori della vita e del territorio, riattivando curiosità e spirito di avventura, ma anche processi creativi e tempi di narrazione.

 

Buon oratorio a tutti. Don Daniele e gli animatori